ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio, ultimi giorni di campagna elettorale

Lettura in corso:

Belgio, ultimi giorni di campagna elettorale

Dimensioni di testo Aa Aa

A una settimana dalle elezioni legislative in Belgio, i sondaggi danno per favoriti, nelle Fiandre, i cristiano-democratici di Yves Leterme. In Vallonia sono invece in testa i socialisti di Elio Di Rupo, che per dialogare con gli elettori durante la campagna hanno messo a loro disposizione un call center.
Di Rupo sottolinea: “Le persone pongono domande sui loro problemi e noi cerchiamo di dare risposte concrete.”
Il suo avversario Didier de Reynders si ispira a Nicolas Sarkozy. Il leader del movimento riformatore, che la settimana scorsa ha ricevuto il presidente francese, traccia un parallelo tra le campagne elettorali dei due Paesi: “Quando si arriva a demonizzare l’avversario, quando si focalizza l’attenzione su una persona, si ritrova un po’ quello che è accaduto in Francia.”
Il premier Guy Verhofstadt, del partito liberale fiammingo, che si avvia a perdere l’incarico di capo del governo, non rinuncia a promettere la creazione di 200.000 nuovi posti di lavoro dopo le elezioni.
Ma per lui sarà un compito arduo, visto che il suo partito, secondo i sondaggi, finirebbe soltanto al quarto posto.
L’incognita delle elezioni rimane il Vlaams Belang, il partito di estrema destra di Franck Vanhecke che chiede l’indipendenza dei fiamminghi e che potrebbe raccogliere fino al 20% dei consensi.