ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polonia: non è vero, i Teletubbies non promuovono l'omosessualità

Lettura in corso:

Polonia: non è vero, i Teletubbies non promuovono l'omosessualità

Dimensioni di testo Aa Aa

I piccoli polacchi non dovranno fare a meno dei Teletubbies, che rischiavano la censura: in effetti il fatto che uno dei personaggi (maschi) del popolare cartone animato portasse una borsetta ha fatto partire le accuse di promozione velata dell’omosessualità, respinte però ora dagli psicologi.

Il settimanale Wprost aveva pubblicato una dichiarazione della mediatrice per i diritti del bambino, che annunciava una perizia e commentava “se c‘è promozione di atteggiamenti inappropriati bisognerà reagire”. Frasi pero smentite subito dopo. “Io non ho mai rilasciato dichiarazioni su questo tema”, ha detto.

Il caso ha suscitato vivaci polemiche e imbarazzato il governo, e in particolare il ministro dell’educazione, Roman Giertych, già in passato accusato di omofobia. La scorsa settimana, aveva preannunciato un emendamento alla legge sull’educazione, mirante a vietare nelle scuole qualsiasi informazione sull’omosessualità.

In precedenza, il suo ministero aveva ventilato il licenziamento degli insegnanti rei di promuovere l’omosessualità. Il 20 maggio a Varsavia circa 4000 persone hanno partecipato alla manifestazione degli omosessuali: tra di loro c’erano numerose personalità europee, tra le quali 25 eurodeputati venuti a denunciare la discriminazione della quale sarebbero vittime gli omosessuali in Polonia.

Il mese scorso il Parlamento europeo votò una risoluzione di condanna dei progetti di legge a carattere omofobo, in particolare in Polonia e Lettonia. E all’inizio di maggio la corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Polonia per aver vietato una manifestazione omosessuale nella primavera del 2005 a Varsavia.

La Polonia, cattolica al 90%, mette la famiglia al primo posto, nella politica sociale. Alcuni politici, e parte della popolazione, hanno una malcelata ostilità nei confronti delle organizzazioni omosessuali, e in particolare della visibilità conquistata dagli omosessuali in quanto tali. Secondo un recente sondaggio, il 57% dei polacchi pensa che gli omosessuali non debbano mostrarsi in pubblico. È un dibattito che ovviamente non riguarda solo la Polonia.