ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Serbia sorpresa dall'arresto di Tolimir

Lettura in corso:

La Serbia sorpresa dall'arresto di Tolimir

Dimensioni di testo Aa Aa

Sorpresa in Serbia dopo la notizia dell’arresto di Zdravko Tolimir, fermato ieri sera mentre cercava di passare la frontiera tra Serbia e Bosnia Ex capo del controspionaggio militare fra le truppe di Ratko Mladic, che a metà degli anni ’90 seminarono il terrore tra i non serbi nella sanguinosa guerra di Bosnia, Tolimir è sospettato di aver contribuito alla rete di protezione della latitanza del suo comandante.

Le reazioni della popolazione sono discordanti: “Stavano facendo il loro dovere, quello di difendere il proprio paese”.

“Avrebbero dovuto prenderlo molto tempo fa. È a causa di questa gente che il nostro processso di adesione all’Unione Europea non fa progressi”. La sua cattura a qualcuno è sembrata una specie di prova generale in vista della caccia finale alla preda numero uno. L’arresto di Tolimir coincide con la nascita a Belgrado di un nuovo Consiglio di sicurezza nazionale a cui il neonato governo di larghe intese ha affidato il compito di rilanciare la cooperazione col Tribunale penale internazionale e recuperare la fiducia dell’Unione Europea. Fiducia che è stata ribadita nell’incontro fra il commissario all’allargamento Olli Rehn, il cancelliere Angela Merkel e il prsidente serbo Boris Tadic.