ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Darfur: da Stati Uniti nuove sanzioni a Sudan

Lettura in corso:

Darfur: da Stati Uniti nuove sanzioni a Sudan

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuove sanzioni, inasprimento di quelle già esistenti, pressione sull’Onu per ottenere una nuova risoluzione. Gli Stati Uniti alzano il tiro nella crisi del Darfur. George Bush ha infatti annunciato un giro di vite contro il governo del Sudan.

“Chiedo al presidente Bashir di porre fine all’ostruzionismo e permettere ai Caschi Blu di entrare e cessare la violenza che continua a scagliarsi contro uomini, donne e bambini innocenti”.

Le sanzioni avranno effetto immediato. Lo scopo: mettere fine a quello che Bush ha bollato come “genocidio”, nella martoriata regione del Sudan occidentale. Accusa respinta da Khartoum.

Nel mirino degli Stati Uniti, però, non ci sono solo i vertici del presidente Hassan al Bachir, principali responsabili. Saranno colpiti anche gli individui che violano i diritti umani e, in particolare, le società petrolifere. La Cina, tra i maggiori partner del Sudan proprio nel settore petrolifero, giudica la mossa controproducente.

Secondo stime Onu, lo scontro tra la miizia legata al governo e i gruppi ribelli nel Darfur, ha causato, dal 2003, oltre 200mila morti e creato circa 2 milioni di profughi.