ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un incontro destinato a rimanere storico

Lettura in corso:

Un incontro destinato a rimanere storico

Dimensioni di testo Aa Aa

È solo un inizio, percepito comunque come un evento eccezionale. Stamani i giornali iraniani titolavano: “Il giorno del negoziato”. Dal punto di vista simbolico è un evento straordinario per due paesi che dal 1980 non hanno relazioni diplomatiche.

In strada a Teheran c‘è fiducia ma anche molta diffidenza: “Per coprire gli insuccessi in Iraq e Afghanistan, gli americani hanno chiesto di negoziare con l’Iran, ma non credo che lo faranno correttamente”.

“L’Iraq si è trasformato in un incubo per gli americani e per questo che hanno chiesto la cooperazione iraniana. Se mostrano comunque la loro buona volontà penso che possa essere un grande passo in avanti”.

La rottura tra Washington e Teheran risale al novembre del 1979, quando, in piena rivoluzione islamica, furono presi in ostaggio tutti i membri dell’ambasciata statunitense a Teheran, che aveva accolto lo Scià.
Nell’aprile del 1980 Jimmy Carter interrompe ufficialmente le relazioni diplomatiche con Teheran.

Ventidue anni dopo, all’indomani dell’11 settembre, George Bush dice ciò che pensa sulla Repubblica islamica: “L’Iran prosegue nel suo programma nucleara e nell’esportare il terrorismo, mentre pochi rappresentanti non eletti continuano a reprimere un intero popolo. Stati come questo e come i loro alleati costituiscono l’asse del male e minacciano la pace del mondo”.

Di mezzo ci si mette la guerra in Iraq che si rivela difficile e tutt’altro che rapida. Trovandosi di fronte a una situazione di non ritorno, Washington decide di cambiare il tono. Il segretario di Stato americano non più tardi di un anno fa diceva: “Gli Stati Uniti, insieme ai rappresentanti dell’Unione europea incontreranno i rappresentanti iraniani appena Teheran sospenderà l’arricchimento dell’uranio”. Oggi i temi scottanti sono stati lasciati a margine dell’incontro. Fatto che non sminusce la portata dell’evento, il cui valore simbolico resta alto.