ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Putin fa affari con Vienna ma le critiche sui diritti umani lo inseguono

Lettura in corso:

Putin fa affari con Vienna ma le critiche sui diritti umani lo inseguono

Dimensioni di testo Aa Aa

Una trentina di contratti firmati, per un montante di 3 miliardi di euro circa. E’ il risultato che il Presidente russo Vladimir Putin incassa durante la visita a Vienna. Visita che da un lato conferma il momento di crisi delle relazioni russo-europee, all’indomani del glaciale vertice di Samara, e che dall’altro, grazie proprio alla mediazione austriaca, contribuisce a rinsaldare i legami in settori chiave come l’energia.

Fra i punti fondamentali c‘è infatti il memorandum sottoscritto da Gazprom e dal gruppo energetico austriaco Omv per la gestione condivisa del centro di distribuzione del gas per l’Europa dell’Est con sede in Austria. Ma gli affari non bastano a placare la coda di proteste che la visita di Putin si porta dietro: diritti umani calpestati e media imbavagliati sono le principali accuse rivolte al Cremlino da gruppi che hanno manifestato davanti alla sede del governo austriaco.

Esponenti dei Verdi, terzo partito in Austria, hanno indirizzato al capo di Stato russo una lettera aperta esprimendo preoccupazione per la deriva liberticida. Gruppi di ceceni hanno denunciato le repressioni perpetrate nella repubblica che aspira all’indipendenza.