ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Piú pubblicità nella tv degli europei

Lettura in corso:

Piú pubblicità nella tv degli europei

Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri della cultura hanno trovato un accordo politico sulla riforma della tv senza frontiere. Sarà autorizzato il cosidetto product placement, l’inserimento all’interno di un programma di un determinato prodotto, sull’esempio di quanto avviene già nella tv americana. Sarà vietato solo nei programmi di informazione e destinati ai bambini.

I consumatori dovranno essere avvertiti all’inizio e alla fine della trasmissioni di questa sorta di sponsorizzazione. Per i ministri della cultura è una riforma destinata a portare maggiori risorse alla produzione televisiva, in particolar modo della fiction.

Per quanto riguarda la pubblicità è stata introdotta una maggiore flessibilità. Salta il limite massimo di tre ore al giorno, la pubblicità non potrà essere piú di dodici minuti all’ora, ma potrà essere piú frequente. Saranno autorizzate interruzioni ogni mezz’ora, al posto degli attuali 45 minuti.

Per quanto riguarda la pubblicità per bambini, gli operatori dovranno adottare un codice di condotta che limiti in particolare la promozione del junk food, considerato responsabile dell’aumento dell’obesità infantile. La riforma della tv senza frontiere sarà applicata anche alle nuove tecnologie digitali. Dopo l’approvazione al Parlamento europeo, dovrebbe entrare in vigore alla fine dell’anno.