ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esplosione in una miniera in Russia: 38 i morti

Lettura in corso:

Esplosione in una miniera in Russia: 38 i morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono trentotto le vittime dell’esplosione di stamattina in una miniera di carbone in Russia. Si tratta del bilancio definitivo, dopo che sono stati ritrovati i corpi degli ultimi dispersi. Al momento dell’incidente, nei pozzi c’erano 217 persone, fra minatori e ingegneri. 179 sono stati portati in salvo, sette sono feriti.

L’esplosione di grisù è avvenuta alle 7.40 ora di Mosca, le 5.40 in Europa centrale, nella regione di Kemerovo, nella Siberia occidentale. A una quarantina di chilometri, in un’altra miniera, appartenente alla stessa compagnia, lo scorso 19 marzo erano morte 110 persone nel più grave episodio di questo genere dalla caduta dell’Unione sovietica. Il premier russo Mikhail Fradkov ha dichiarato: “L’agenzia per la sicurezza industriale ha già scoperto alcune violazioni da parte della compagnia Yuzhkusbassugol, proprietaria della miniera. È un problema molto grave. Il nuovo incidente è molto preoccupante. Questo caso va oltre i limiti del tollerabile”.

La magistratura ha aperto un’inchiesta. La compagnia rischia ora di perdere la sua licenza. Gli ispettori che avevano visitato la miniera in passato, ne avevano chiesto la chiusura due volte, dopo aver riscontrato violazioni delle norme di sicurezza. Ma le loro domande, l’ultima delle quali era stata presentata il 30 aprile, erano state respinte dai tribunali.