ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libano: sospesi i bombardamenti, drammatica situazione umanitaria a Nahr al-Bared

Lettura in corso:

Libano: sospesi i bombardamenti, drammatica situazione umanitaria a Nahr al-Bared

Dimensioni di testo Aa Aa

Morti e feriti nelle strade, niente acqua né elettricità. La situazione umanitaria è drammatica a Nahr al-Bared, il campo profughi palestinese nel nord del Libano dove l’esercito di Beirut sta cercando da tre giorni di annientare i miliziani di Fatah al Islam. I combattimenti sono stati sospesi in mattinata e ora un convoglio dell’Onu sta negoziando per poter entrare nel campo, dove vivono 40 mila palestinesi. I camion trasportano cibo, acqua, carburante, generatori elettrici e medicinali.

Difficile stabilire il numero esatto delle vittime dall’inizio dei combattimenti, domenica scorsa. Secondo alcune fonti sarebbero 58, secondo altre almeno 79, fra cui 27 civili. La Croce Rossa aveva chiesto la sospensione delle ostilità per poter soccorrere i feriti e recuperare i cadaveri.

Stamattina il primo ministro libanese Fuad Siniora ha incontrato una delegazione dei gruppi palestinesi presenti in Libano per studiare il modo di disinnescare la crisi.

I combattimenti erano ripresi all’alba, nonostante la tregua annunciata ieri sera da un esponente della Jihad islamica. I miliziani asserragliati nel campo profughi hanno giurato di combattere fino all’ultima goccia di sangue, se l’esercito continuerà a bombardarli.