ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chi è Fatah Al Islam?

Lettura in corso:

Chi è Fatah Al Islam?

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito libanese non mette piede nei campi profughi palestinesi. Può effettuare controlli esterni, come al posto di blocco sulla strada che porta a Nahr el Bared. Ma in virtù di un accordo trai paesi arabi che risale al ’69, l’esercito non entra nei campi, dove sono le milizie a dettare legge: gruppi che non hanno deposto le armi, ignorando la risoluzione dell’ONU del 2004.

Fatah al-Islam è uno di loro. E’ nato nel novembre del 2006 dal filo siriano Fatah al-Intifada. Sembra che conti circa 200 uomini, che si allenano a Nahr al-Bared. Eppure Fatah al-Islam è nel mirino dell’esercito libanese dal 13 febbraio del 2007. Quel giorno due bus esplosero nel settore cristiano a nord di Beirut. Tre le vittime.

Era la vigilia dell’anniversario dell’assassinio di Rafik Hariri. Secondo le autorità libanesi sono 4 membri siriani di Fatah al-Islam gli autori. E sono in molti, come l’analista specializzato in terrorismo internazionale Claude Moniquet, a chiamare direttamente in causa Damasco: “Siamo nel nord del Libano, vicino a Tripoli, un area d’influenza siriana. Si può pensare che la Siria, che ha contatti da tempo con questo genere di organizzazioni, possa utilzzare Fatah al-Islam per destabilizzare il Libano”.

Un legame tuttavia negato tanto dal governo siriano che dal capo di Fatah al-islam, Shaker al-Abssi. Condannato a morte in Giordania per l’assassinio di un diplomatico americano, incarcerato in Siria e poi rilasciato l’anno scorso, Abssi, rientrato in Libano dichiara due obiettivi: imporre la Sharia nei campi profughi e lottare contro Israele. Riconosce una vicinanza ideologica con Al Qaida, ma nega di farne parte organicamente.

Bisogna dunque preparasi ad una nuova grave crisi in Libano? L’analista Claude Moniquet: “La destabilizzazione del Libano è estremamente possibile, ma questa organizzazione attualmente può destabilizzare il Libano solo se trova degli alleati. E’ da vedere se Hezbollah è pronto oggi a imbarcarsi in una nuova avventura come quella dell’estate scorso. Non è affatto sicuro”.