ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'Ocse invita cinque nuovi Paesi ad avviare le trattative di adesione


società

L'Ocse invita cinque nuovi Paesi ad avviare le trattative di adesione

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico allarga i suoi confini. L’Ocse ha invitato cinque nuovi Paesi ad avviare le trattative per l’adesione all’organizzazione internazionale. Si tratta di Russia, Cile, Israele, Estonia e Slovenia. L’allargamento è stato auspicato dal segretario generale, il messicano José Angel Gurria, che ha parlato della necessità di nuovi metodi di lavoro e di una nuova visione dell’organizzazione che si appresta a compiere 50 anni.

Nata nel 1961, l’Ocse ha sede a Parigi e riunisce 30 paesi industrializzati, tra cui l’Italia e la Svizzera. La missione è quella di promuovere la crescita economica e il libero mercato nel rispetto della democrazia. Quando è stata fondata, i membri rappresentavano il 75% circa della ricchezza mondiale. Oggi il 60%.

Da qui la spinta all’adesione di nuovi, potenti membri come la Russia, che è il maggior esportatore di energia al mondo e la decima economia mondiale. Mosca, che manifestava interesse ad aprire le trattative di adesione dal 1996, ha salutato con soddisfazione la decisione del club, che ha definito “chiuso ed esclusivo”.

Benvenuta nell’organizzazione è anche Israele, che è al quinto anno consecutivo di crescita economica sostenuta. Le stime per l’aumento del pil nel 2007 sono state riviste al 5% da un iniziale 3,8. Prossimi invitati al tavolo delle trattative dell’Ocse potrebbero essere Brasile, Cina, India, Indonesia e Sudafrica.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

società

Reuters comprata dal gruppo canadese Thomson, nasce il colosso delle notizie finanziarie