ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue, nuovo accordo con Usa su trattamento dati dei passeggeri diretti oltreoceano

Lettura in corso:

Ue, nuovo accordo con Usa su trattamento dati dei passeggeri diretti oltreoceano

Dimensioni di testo Aa Aa

Stati Uniti e Unione europea sono al lavoro per ridefinire l’accordo sul trattamento dei dati dei passeggeri europei che si recano oltreoceano. La normativa in vigore, adottata all’indomani degli attentati dell’11 settembre, scadrà in luglio e Washington preme affinché Bruxelles imponga di conservare i dati dei passeggeri europei per un periodo molto lungo, anche di 40 anni.

Lo scopo è quello di prevenire atti di terrorismo attraverso controlli piu’ precisi, come ha spiegato Michael Chertoff, segretario americano per la sicurezza interna: “Innalzeremo il livello di sicurezza per tutti i paesi tramite un sistema elettronico per la trasmissione di informazioni, come ad esempio quelle contenute nel passaporto. Il che sarebbe come una sorta di autorizzazione a partire”, ha detto Chertoff.

La richiesta degli Usa si scontra pero’ con la posizione della Ue, che punta a tutelare la privacy dei cittadini degli stati membri. Franco Frattini, commissario europeo per Giustizia, Libertà e Sicurezza, ha assicurato che l’accordo si troverà ma che si sta cercando di risolvere alcune questioni tecniche, come la durata della conservazione dei dati, il tipo di dati che possono essere trasmessi e gli uffici autorizzati ad accedere a tali informazioni.

Tra i dati richiesti ai passeggeri al momento dell’acquisto del biglietto aereo ci sono il numero della carta di credito, l’indirizzo, il numero di telefono e l’itinerario del viaggio da confrontare, se necessario, con una lista di sospetti terroristi.