ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Siria collabora, ma non troppo

Lettura in corso:

La Siria collabora, ma non troppo

Dimensioni di testo Aa Aa

È il presidente Assad a dire chiaramente, davanti al Parlamento, che una cosa è contribuire all’inchiesta internazionale sull’assassinio di Rafic Hariri, ma altra cosa è farsi processare. “Il tribunale internazionale – ha detto – è cosa che riguarda solo il Libano e l’ONU. Non ci riguarda direttamente, e quindi respingiamo qualsiasi richiesta di cooperazione che possa mettere in discussione la nostra sovranità nazionale”.

L’attentato che costò la vita all’ex presidente libanese Rafic Hariri, nel febbraio di due anni fa, nel pieno centro di Beirut, è stato oggetto di indagine da parte di una Commissione, nominata dalle Nazioni Unite. I rapporti preliminari hanno indicato, tra i possibili colpevoli, alcuni agenti libanesi e siriani.

Damasco ha sempre respinto qualsiasi addebito. Nello scorso novembre, il consiglio di sicurezza dell’ONU approvò il progetto di creazione di un tribunale internazionale, che però non è mai stato messo in atto a causa, anche, delle proteste in corso da mesi in Libano.