ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ancora sotto assedio l'ambasciata estone a Mosca, nonostante appelli di Usa e Ue

Lettura in corso:

Ancora sotto assedio l'ambasciata estone a Mosca, nonostante appelli di Usa e Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

Non bastano gli appelli preoccupati dell’Unione Europea e della Nato al rispetto delle sedi diplomatiche. A Mosca gli uffici dell’ambasciata estone continuano a essere assediati da più di un centinaio di manifestanti, furiosi per la rimozione di un monumento ai caduti sovietici dal centro di Tallin.

L’ambasciatrice estone, Marina Kaljurand, parla di intimidazione da parte della Russia.

“E’ chiaro che non è una mobilitazione spontanea”, dice. “Tutto è stato orchestrato con cura. Questi giovani sono qui da sette giorni, sono muniti di tende, cucine da campo, musica, servizi e corrente elettrica”.

Mosca assicura che sta facendo del suo meglio per mantenere l’ordine, ma intanto i familiari del personale diplomatico sono stati evacuati.

Come se non bastasse, la Russia ha interrotto i rifornimenti di petrolio e carbone all’Estonia. Ufficialmente per lavori di manutenzione della linea ferroviaria. Ma il sospetto è quello di un ricatto energetico, per punire l’affronto all’onore dell’armata rossa.

Il trasferimento della statua ai caduti nel cimitero militare di Tallin, la settimana scorsa, aveva scatenato violenti scontri con la comunità russofona estone. Nei disordini, un giovane russo è rimasto ucciso. Mosca pretende ora indagini per accertare le responsabilità della morte.