ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il governo israeliano di Olmert in crisi di popolarità, si dimette un ministro

Lettura in corso:

Il governo israeliano di Olmert in crisi di popolarità, si dimette un ministro

Dimensioni di testo Aa Aa

Si apre la prima crepa nel governo israeliano di Ehud Olmert, dopo il duro atto d’accusa di una commissione di inchiesta sulla gestione della guerra contro Hezbollah. Un ministro senza portafoglio, Eitan Capel, ha rassegnato le sue dimissioni, invitando il partito laburista, a cui è iscritto, a sciogliere la coalizione di governo con Kadima, la formazione di Olmert.

Nessun danno di sostanza, per il momento, ma certo un segno del crescente isolamento del premier, ritenuto responsabile di essersi avventurato in una campagna militare durata 34 giorni senza una strategia efficace. Una crisi di popolarità che gli sta mettendo contro la piazza.

Uzi Dayan, ex generale, ha indetto una manifestazione giovedì a Tel Aviv per chiedere le dimissioni del premier: “Incapace – dice – di guidare il paese, come dimostrano i molti errori che ha commesso”. Promotori della mobilitazione, come di quelle avvenute nei giorni scorsi, le famiglie dei soldati caduti in Libano, che oltre a Olmert ritengono responsabile della disfatta militare anche il ministro della difesa Peretz. Il premier ha ribadito che non intende dimettersi.