ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia, nello scontro per le presidenziali l'esercito avverte: "la laicità non si tocca"

Lettura in corso:

Turchia, nello scontro per le presidenziali l'esercito avverte: "la laicità non si tocca"

Dimensioni di testo Aa Aa

Turchia, nello scontro sulla laicità in corso per le elezioni presidenziali interviene anche il potente esercito. In un comunicato, lo Stato Maggiore si è detto preoccupato della situazione e ha lanciato un forte avvertimento contro qualsiasi messa in discussione della laicità.

La presa di posizione arriva subito dopo la votazioni di ieri, dove il vice primo ministro Abdullah Gul, candidato del partito filoislamico al governo, Akp, non ha raggiunto la maggioranza qualificata richiesta per i primi due voti.

Tutti i parlamentari dell’opposizione hanno boicottato la seduta. I leader della minoranza vedono nell’elezione di Gul una minaccia per la laicità. E hanno sollevato il problema del numero legale dei votanti. Scopo: tentare di far annullare il voto dalla Corte Costituzionale in modo da arrivare allo scioglimento di un Parlamento incapace di eleggere il nuovo presidente e a elezioni anticipate. Intanto sono cominciati i preparativi per la manifestazione organizzata dall’opposizione domenica a Istanbul.