ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Segolene Royal, la "Zapatera" francese che punta all'Eliseo

Lettura in corso:

Segolene Royal, la "Zapatera" francese che punta all'Eliseo

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è subito presentata come la candidata del rinnovamento socialista Ségolène Royal, dopo la catastrofe del partito alle presidenziali del 2002 e alle legislative successive. Ha puntato sul mostrarsi più vicina ai lavoratori e alla gente che non al potere. E per il momento ha vinto la scommessa.

Socialista da sempre, magistrato, consigliere dell’Eliseo, nel 1992 diventa per la prima volta ministro. Nel governo Bérégovoy ha il dicastero dell’ambiente. Dopo le elezioni del 97 vinte dalla sinistra, è chiamata a far parte del governo Jospin. Fino al 2000 è ministro delegato per l’Istruzione scolastica. Poi passerà al dicastero per la Famiglia e l’Infanzia. E’ rieletta deputato alle legislative del 2002, da cui i socialisti escono sconfitti. Nel 2004 diventa presidente della regione Poitou-Charentes.

Ma il momento clou della sua carriera arriva il 26 novembre dell’anno scorso, quando i membri del partito la scelgono, con oltre il 60 per cento delle preferenze, come loro candidata nella corsa per le presidenziali.

I sondaggi sono subito favorevoli. L’attenzione da parte dei media è alta. Molto prima dell’inizio della campagna ufficiale, Segolène è già sotto i riflettori.

Viaggia all’estero, come fanno i capi di Stato. Compie una visita in Cina. Incontra il presidente palestinese Mahmud Abbas. Il presidente del Cile, la socialista Michelle Bachelet. In politica estera esprime una forte critica verso la tendenza all’isolazionismo.

Il suo compagno è il presidente del partito socialista, Francois Hollande. In campagna elettorale subisce l’abbandono del suo responsabile economico, che arriva a scrivere un libro contro di lei. In “Chi conosce la signora Royal?”, Eric Besson la accusa di essere troppo accentratrice e poco professionale. Ma al tempo stesso ottiene il sostegno dei membri storici del partito, Laurent Fabius e Dominique Strauss Kahn. Ma è adesso che viene il bello. “Adesso”. Come il titolo del libro che ha appena pubblicato.