ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio, processo a generale ruandese per uccisione 10 caschi blu

Lettura in corso:

Belgio, processo a generale ruandese per uccisione 10 caschi blu

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Belgio riapre un capitolo sul genocidio del Ruanda. A Bruxelles si e’ aperto il processo a carico del generale Bernard Ntuyahaga, accusato di aver fatto uccidere nel 1994 dieci caschi blu belgi e il primo ministro ruandese Aghate Uwilingiyimana, che furono attirati in una trappola in una base militare di Kigali e uccisi a colpi di machete e bastoni.

All’alba del 7 aprile di 13 anni fa i soldati dell’Onu cercavano di proteggere il primo ministro che si stava recando in una radio per fare un discorso alla nazione dopo l’attentato all’aereo su cui viaggiava il presidente Habyarimana, abbattuto da un missile terra-aria lanciato da ignoti.

L’attentato aveva offerto il pretesto alle milizie Hutu per dare inizio a un massacro in cui hanno perso la vita almeno 800 mila Tutsi e migliaia di Hutu moderati.

Una ferocia alla quale il mondo assistette con vergognosa indifferenza. Il genocidio del Ruanda aveva infatti messo in luce l’impassibilità delle Nazioni Unite e di paesi come la Francia e il Belgio, che avevano inviato militari solo per portare in salvo i propri connazionali.