ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, ancora manifestazioni anti-Putin. Fermi di massa, arrestato un leader dell'opposizione

Lettura in corso:

Russia, ancora manifestazioni anti-Putin. Fermi di massa, arrestato un leader dell'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Continuano le manifestazioni anti-Putin in Russia, e continuano anche gli arresti di esponenti dell’opposizione. A San Pietroburgo, al termine di un corteo nel centro di quella che è la seconda città del paese, le forze speciali hanno fermato almeno 170 persone. Al termine della manifestazione la polizia ha arrestato anche Eduard Limonov, leader dei nazional-bolscevichi, formazione di estrema sinistra che aderisce al cartello delle opposizioni L’altra Russia.

Ieri a Mosca la stessa sorte era toccata al campione di scacchi Gary Kasparov, che aveva partecipato alla protesta contro il capo dello stato nella manifestazione non autorizzata di piazza Puskine.

Kasparov è stato in seguito rilasciato e denunciato per disturbo all’ordine pubblico e il giorno dopo, davanti ai giornalisti, non esita a parlare di aperta violazione della democrazia. “Tutto ciò che sta accadendo dismostra che la Russia di oggi non è nemmeno in apparenza una democrazia. Qui è come in Bielorussia o nello Zimbabwe”.

Il capo del Cremlino, Vladimir Putin, dal canto suo, non commenta gli avvenimenti, ma non rinuncia a mandare messaggi. Ad esempio facendosi vedere, con accanto l’ex premier italiano Berlusconi, mentre segue con attenzione un incontro di arti marziali. Quasi una metafora della violenza che comincia a scuotere il paese.