ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Bce lascia invariati i tassi

Lettura in corso:

La Bce lascia invariati i tassi

Dimensioni di testo Aa Aa

La Banca Centrale Europea lascia invariati i tassi d’interesse. Il costo del denaro resta stabile al 3,75% per i 13 paesi di Eurolandia.
Una decisione data per scontata dagli operatori sui mercati finanziari vista l’attuale situazione relativa al costo della vita. Il tasso d’inflazione è infatti inferiore al 2% netto su base tendenziale annua, ma i rischi di aumento dei prezzi esistono

“E’ necessario, dice il presidente della Bce Jean Claude Trichet, un monitoraggio molto attento: la nostra politica monetaria resta accomodante visto l’impatto limitato sulla forza complessiva degli sviluppi. In ogni caso agiremo in maniera ferma per contrastare le spinte inflazionistiche”

Con la decisione di non ritoccare i tassi, il costo del denaro resta sufficientemente poco caro per i paesi di Eurolandia a fronte di Gran Bretagna e Stati Uniti dove con il 5,25% sono i due paesi dove prendere a prestito denaro raggiunge il livello piu’ alto tra quelli piu’ industrializzati.

Un quadro tutto sommato positivo per l’economia nel quale è chiamata ad agire la Bce. Anche perchè le stime di crescita del prodotto interno lordo per Eurolandia è stato rivisto al rialzo: per l’intero 2007 il tasso di sviluppo dovrebbe salire al 2,7%. Un dato quest’ultimo che comporta al suo interno una crescita dei servizi ai massimi da sei mesi e con un calo degli iscritti al collocamento, pari al 7,3% della popolazione attiva.