ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il governo eritreo vieta l'infibulazione

Lettura in corso:

Il governo eritreo vieta l'infibulazione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Eritrea ha vietato le mutilazioni sessuali femminili. Nel paese est-africano circa il 90% delle donne hanno subito l’esportazione totale o parziale del clitoride, una pratica imposta dalla tradizione e spesso realizzata clandestinamente con oggetti taglienti qualsiasi, senza pensare né a sterilizzazioni né ad anestesie.

Forte è l’impegno anche del Vecchio continente. L’eurodeputata Anna Zaborzska: “Dobbiamo parlare, educare l’infanzia e spiegare che è un problema che riguarda i diritti umani e la dignità della donna”.

D’ora in poi chi pratica l’escissione o l’infibulazione in Eritrea rischia multe e fino a dieci anni di carcere. Sempre che la legge non rimanga sulla carta. Ma il fatto che il governo di Asmara abbia annunciato il divieto solo ieri nonostante sia in vigore dal 31 marzo non lascia ben sperare sulla reale volontà di passare alla repressione.