ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tornati a casa i 15 marinai britannici liberati in Iran. Blair: "Nessuna trattativa con Teheran"

Lettura in corso:

Tornati a casa i 15 marinai britannici liberati in Iran. Blair: "Nessuna trattativa con Teheran"

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono arrivati a Londra, all’aeroporto di Heatrow, i soldati britannici liberati ieri dalle autorità iraniane. A riportarli in patria un aereo della British Airways. Subito dopo, a bordo di due elicotteri della Royal Navy che li attendevano sulla pista, i militari sono partiti verso la base militare di Devon, dove già dal mattino erano giunti amici e familiari.

La crisi ha registrato un punto di svolta nella giornata di ieri, quando il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha annunciato, alla fine di una conferenza stampa trasmessa in mondovisione, che i militari britannici erano stato graziati e presto sarebbero quindi tornati in libertà.

Catturati da unità marittime iraniane il 23 marzo scorso, i marines britannici hanno trascorso 13 giorni di prigionia, durante i quali Teheran non ha smesso di accusarli di aver violato le acque territoriali iraniane.

Una tesi che Londra ha sempre negato. Ahmadinejad tuttavia, ha detto nella conferenza stampa di ieri che Londra aveva inviato una lettera con la quale ha espresso l’impegno a “non far più accadere una situazione del gener”.

Il premier britannico Tony Blair si è detto felice della conclusione positiva della vicenda, e ha ribadito che il rilascio non è dovuto ad alcuna trattativa e a nessun accordo.