ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kadyrov insediato alla presidenza cecena.

Lettura in corso:

Kadyrov insediato alla presidenza cecena.

Dimensioni di testo Aa Aa

Ramzan Kadyrov si è insediato ufficialmente come presidente della Cecenia. La cerimonia d’investitura si è tenuta nella residenza presidenziale di Gudermes, a una trentina di chilometri a est di Grozny. Kadyrov, eletto un mese fa dal parlamento su proposta del presidente russo Vladimir Putin, ha giurato sulla Costituzione e sul Corano promettendo di far rispettare i diritti umani.

La parabola di Ramzan Kadyrov comincia accanto al padre, il gran mufti Akhmad Kadyrov, nella jihad contro Mosca, e prosegue sulle orme del genitore quando questi passa nel campo pro-russo. Ramzan si mette allora a capo delle forze di sicurezza del padre.

L’ascesa politica inizia nel maggio 2004, quando Kadyrov padre, allora presidente della Cecenia, viene assassinato. Troppo giovane per succedergli, non è però un segreto che è lui a reggere le sorti del paese dietro il fantoccio Alu Alkhanov.

Premier dal marzo 2006, a ottobre Kadyrov compie i trent’anni necessari per diventare presidente, ed è nominato ufficialmente da Putin il 15 febbraio. “Uno schiaffo alla comunità internazionale” denunciano le organizzazioni non governative. Sono soprattutto le milizie da lui comandate, i cosiddetti “kadyroviti”, a essere accusate di violazioni dei diritti umani inflitte alla popolazione cecena. Ma da fuori quel che si vede è una Grozny ricostruita, un’apparenza di stabilità. Un’operazione di chirurgia plastica riuscita. Così come Kadyrov riesce a farsi passare per paladino dei valori musulmani pur facendosi riprendere ubriaco in compagnia di prostitute.