ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bagno di sangue a Tal Afar: Attentati e rappresaglie nella città simbolo di Bush

Lettura in corso:

Bagno di sangue a Tal Afar: Attentati e rappresaglie nella città simbolo di Bush

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 150 morti in un solo giorno e in una sola città: Tal Afar, nel nord dell’Iraq, è stata teatro di due attentati anti-sciiti, seguiti dall’esecuzione sommaria, per rappresaglia, di decine di sunniti. Le immagini che seguono, per scelta, non mostrano i corpi senza vita.

Tutto è cominciato verso le 17:30 di martedì quando un camion carico di viveri, che la popolazione aspettava da giorni, è saltato in aria in un quartiere sciita. Qualche minuto dopo un secondo veicolo imbottito di esplosivo è scoppiato in un altro rione abitato in maggioranza sempre da sciiti.

In totale ci sarebbero stati 85 morti e 183 feriti. Poco più tardi, a quanto pare per vendetta, uomini armati hanno ucciso 70 sunniti.

Un anno fa in un famoso discorso il presidente statunitense George Bush aveva citato Tal Afar come l’esempio di una città dove, grazie alla sicurezza portata dalle truppe statunitensi, persone di diverse etnie e religioni possono vivere insieme pacificamente.