ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Anche il Senato americano dice sì al ritiro dall'Iraq nel 2008

Lettura in corso:

Anche il Senato americano dice sì al ritiro dall'Iraq nel 2008

Dimensioni di testo Aa Aa

Entrambe le camere del Congresso americano si sono espresse per un ritiro delle truppe dall’Iraq nel 2008. Il Senato ha infatti respinto la proposta dei Repubblicani di togliere il riferimento a un calendario per il ritiro nella legge che rifinanzia le missioni militari statunitensi.

La mossa ispirata dalla maggioranza Democratica è uno schiaffo al presidente George Bush che sarà costretto a usare il suo diritto di veto per la seconda volta da quando è alla Casa Bianca. La prima era stata per una legge sulle cellule staminali embrionali.

Nel testo approvato in Senato si prevede che le truppe facciano ritorno in patria entro il 31 marzo del prossimo anno, una scadenza ancora più ravvicinata di quella fissata giorni fa dalla Camera dei rappresentanti, che aveva stabilito come termine il 1° settembre 2008.

Se per i Repubblicani fissare date significa semplicemente invitare la guerriglia irachena a tenere duro fino al momento della partenza degli americani, per i Democratici andarsene è più importante di tutto, considerando già troppi i 3.200 soldati morti.