ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Matrimonio di massa nelle Fiandre per sostenere l'assessore vittima di razzismo

Lettura in corso:

Matrimonio di massa nelle Fiandre per sostenere l'assessore vittima di razzismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella giornata internazionale contro il razzismo, ieri sera in Belgio, settecento coppie hanno pronunciato il loro sì di fronte al primo assessore nero delle Fiandre.

Il simbolico matrimonio di massa è stato la risposta a un gesto di discriminazione subìto dall’amministratore del comune di Saint Niklaas, che un mese e mezzo ha visto una coppia rifiutare di farsi sposare da lui a causa del colore della sua pelle.

Poche ore prima della cerimonia collettiva, in municipio Wouter Van Belligen aveva comunque già potuto celebrare un matrimonio vero.

Nato in Ruanda, l’assessore è stato adottato da una famiglia fiamminga.

“Siamo indignati che qualcuno abbia rifiutato di sposarsi, non si può giudicare qualcuno dal colore della pelle, ecco perché prendiamo posizione – dice lo sposo -. Certo avremmo fatto a meno di tutti questi giornalisti ma visto che ci siamo ormai ci godiamo l’occasione”.

Nella città di Saint Niklaas, guidata da una giunta di sinistra, il partito di estrema destra Vlaams Belang conta il 25% dei voti.