ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Impiccato il vice di Saddam per la strage di Dujail

Lettura in corso:

Impiccato il vice di Saddam per la strage di Dujail

Dimensioni di testo Aa Aa

Condannato a morte il 12 febbraio, Taha Yassin Ramadan, ex vice di Saddam Hussein, è stato impiccato nella notte, nel quarto anniversario dell’inizio dell’invasione statunitense in Iraq. Durante il processo d’appello, il tribunale speciale iracheno aveva convertito in pena di morte una precedente sentenza all’ergastolo per il massacro di sciiti nel villaggio di Dujail, nel 1982. Per le strade di Baghdad si respira più che altro un sentimento di disillusione: “Che Taha Yassin fosse condannato a morte o meno, non cambia nulla per la situazione irachena” dice un abitante delle capitale.

“La legge dovrebbe essere applicata a tutti quanti hanno danneggiato il popolo iracheno” sottolinea un altro. “Allora sarebbe indipendente e imparziale”. Ora sono 4 i massimi rappresentanti dell’ex regime baathista condannati a morte. Primo fu l’ex rais. La sentenza era stata simbolicamente eseguita il 30 dicembre, primo giorno della festività religiosa musulmana dell’Aid el Fitr. Poi il fratellastro Barzan Al Tikriti, capo dei servizi segreti, e l’ex presidente del Tribunale rivoluzionario Awad al Bandar.