ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondo del credito alle grandi manovre.

Lettura in corso:

Mondo del credito alle grandi manovre.

Dimensioni di testo Aa Aa

La prospettiva rimbalzata dall’Inghilterra di una fusione tra Barclays e ABN Amro, scuote lo scenario bancario europeo. Un merger tra il gruppo bancario britannico e quello olandese non solo creerebbe il maggiore istituto di credito dell’unione europea ma stravolgerebbe gli equilibri nel fragile comparto bancario del vecchio continente.

La fusione Barclays-ABN Amro significherre dover far i conti con un gruppo da oltre 47 miliioni di clienti,presente in 50 paesi con 220 mila dipendenti, molti dei quali perderebbero sicuramente il posto di lavoro, e forte di una capitalizzazione borsistica superiore ai 123 miliardi di euro.

Il nuovo gruppo, se mai dovesse nascere nelle prossime ore, avrebbe ripercussioni anche in Italia dove ABN Amro è azionista di rilievo non solo di Antonveneta ma anche della romana Capitalia, da mesi al centro di numerose speculazioni su un suo possibile matrimonio con la prima banca italiana la milanese Unicredit a sua volta fortemente impegnata in una campagna acquisti nell’europa dell’est.