ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La guerra in Iraq entra nel suo quinto anno. Proteste pacifiste a Bruxelles e New York

Lettura in corso:

La guerra in Iraq entra nel suo quinto anno. Proteste pacifiste a Bruxelles e New York

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo Madrid, Atene e Istanbul, l’anniversario dell’inizio della guerra in Iraq è stato ricordato anche da migliaia di dimostranti pacifisti scesi in strada in Europa e negli Stati Uniti. A Bruxelles qualche migliaio di persone ha raccolto l’appello delle associazioni, esprimendo solidarietà al popolo iracheno e chiedendo il ritiro delle truppe straniere. In piazza presenze variegate: dagli altermondialisti agli animalisti, dai trozkisti alle femministe, tutti uniti nell’opporsi alla politica del presidente statunitense George Bush.

Pierre Galant, presidente del Centro laico d’azione, parla del senso della mobilitazione. “E’ ora di darsi un nuovo ordine nella gestione di questa comunità mondiale.Questo vogliamo dire oggi. Basta guerre. Cerchiamo un altro modo per gestire i conflitti su questo pianeta”.

Strade affollate di pacifisti anche a New York, dove oltre alla data di inizio del conflitto nel Golfo persico sono stati ricordati i quaranta anni dalla storica marcia su Washington del 1967, promossa per protestare contro la guerra in Vietnam. Paralleli con la disastrosa campagna nel paese asiatico sono d’altra parte sempre più frequenti. La guerra in Iraq è finora costata la vita a 3200 soldati Usa.