ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Georgia tenta di sedurre la Nato

Lettura in corso:

La Georgia tenta di sedurre la Nato

Dimensioni di testo Aa Aa

La Georgia gioca le sue carte con la Nato: una delegazione di Tbilisi ha visitato la sede dell’Alleanza Atlantica a Bruxelles, in una nuova offensiva diplomatica.

L’obiettivo resta l’adesione, a favore della quale il parlamento georgiano si è espresso all’unanimità questa settimana.

Batu Kutelia, vice ministro della difesa: “Abbiamo un enorme sostegno da parte dei nostri partner europei sul piano politico per una soluzione pacifica del conflitto. Per questo la nostra linea essenziale, è di internazionalizzare il conflitto, di avere una più grande presenza internazionale”.

La Georgia guarda dunque ad occidente per risolvere la grave crisi con Mosca, focalizzata nelle regioni separatiste dell’Abkhazia e l’Ossezia del Sud, che godono dell’appoggio russo.

Nei giorni scorsi, Tbilisi ha denunciato un raid di elicotteri russi sull’Abkhazia: è l’ultimo di una serie di attriti con Mosca, che da sei mesi ha imposto un embargo.

Il presidente georgiano Mikhail Saakachvili, al potere dal 2004, è apertamente filooccidentale, anche a fine febbraio ha incontrato a Bruxelles il presidente della Commissione Barroso.

L’orientamento della ex-repubblica sovietica non può piacere a Mosca, che considera un’adesione della Georgia alla Nato come un fattore di instabilità per tutta la regione.