ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia, la Camera approva il rifinanziamento delle missioni all'estero, ad aprile il voto al Senato

Lettura in corso:

Italia, la Camera approva il rifinanziamento delle missioni all'estero, ad aprile il voto al Senato

Dimensioni di testo Aa Aa

Passa alla Camera il decreto che proroga per un anno le missioni militari italiane all’estero tra cui quella in Afganistan.
Il testo scade ai primi di aprile e dovrà essere approvato dal Senato, dove il governo ha una maggioranza politica di soli due senatori, entro quella data.
E dall’opposizione già si sollevano voci per nuove dimissioni di Romano Prodi in vaso non abbia la maggioranza politica al Senato.
“Il problema – dice Ignazio La Russa, di Alleanza Nazionale – è: questo governo ha una maggioranza in politica estera? Se sì, lo dimostri. Se no, escludendo i senatori a vita, che ne tragga le dovute conseguenze”.

Non è d’accordo Marina Sereni, deputata dell’Ulivo: “E’ una sciocchezza politica. Non si chiedono le dimissioni a un governo che su un provvedimento otterrà la stragrande maggioranza dei voti della Camera e anche del Senato”.

Il decreto ha subito diverse modifiche rispetto alla stesura originaria e ha recepito molte richieste della sinistra radicale per esaltare l’aspetto umanitario.
Oltre a fondi militari, il miliardo di euro del rifinanziamento comprende anche interventi di cooperazione e sviluppo e tre conferenze internazionali.