ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Endesa, e.On pronta ad acquistare quote in Enel per salvare Opa

Lettura in corso:

Endesa, e.On pronta ad acquistare quote in Enel per salvare Opa

Dimensioni di testo Aa Aa

Continua la sfida tra e.On ed Enel per il controllo della spagnola Endesa. Secondo il settimanale tedesco Der Spiegel, e.On sarebbe pronta al contrattacco per eliminare la rivale italiana, che ha intanto portato la sua partecipazione in Endesa al 22 per cento.

La mossa italiana ha provocato reazioni allarmate in Spagna che hanno coinvolto la Consob locale, affinche’ vigili sulla quota di Enel, che una volta raggiunto il 25% potrebbe lanciare un’offerta per il controllo di Endesa, col rischio di far sfumare invece l’Opa da 41 miliardi di euro della societa’ energetica tedesca. Ma quest’ultima potrebbe rispondere comprando il 25% di Enel e proseguire nei suoi piani di fusione. “E’ un problema dei mercati”, ha commentato il presidente del consiglio, Romano Prodi, che ha aggiunto: “Non esistono assi politici preferenziali tra Roma e Madrid, ma c‘è anzi una cooperazione politica, che definirei molto buona, tra i due paesi…”

Il capitale della società energetica spagnola è cosi’ suddiviso: il 22% è in mano ad Enel, una quota del 21% è della holding iberica Acciona, mentre il gruppo bancario Caja Madrid ha un altro 10%. Il resto, 47%, è detenuto da altri azionisti. Il ministro dell’industria spagnolo Joan Clos ha tentato di smorzare le polemiche sollevate da chi ha visto nell’operazione tra Enel ed Endesa un accordo tra i governi italiano e spagnolo: “Per quanto riguarda il governo ci interessa che l’Opa avvenga in totale libertà, sia per gli operatori che per il mercato”.

L’ultima carta dell’amministratore delegato Wulf Bernotat e dei vertici di e.On, se giocata, dovrebbe provocare la ritirata di Enel dalla Spagna e liberare il campo per la scalata dei tedeschi.