ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Timor Est, raid australiano contro le basi ribelli

Lettura in corso:

Timor Est, raid australiano contro le basi ribelli

Dimensioni di testo Aa Aa

Il capo dei ribelli di Timor Est è sfuggito alla cattura da parte delle forze speciali australiane. In nottata un raid è stato lanciato con l’utilizzo di mezzi blindati, elicotteri ed aerei sulla località di Same dove i ribelli si erano asserragliati.

Alfredo Reinado, accusato di aver assaltato un deposito d’armi, prima del raid australiano si è difeso così: “Le armi le abbiamo chieste alla polizia che ce l’ha date per difendere la gente. Le armi appartengono al popolo, per questo ce le hanno date con una stretta di mano. Non lo chiamerei proprio un assalto”.

Reinado nell’aprile 2006 si mise alla guida di un gruppo di soldati, circa un terzo dell’esrcito di Timor Est, che aveva disertato denunciando di essere vittima di discriminazioni. Ne scaturirono diverse settimane di violenze che causarono la morte di 37 persone e provocarono il dispiegamento di una forza internazionale di circa 3000 uomini. Timor est, ex colonia portoghese occupata dall’Indonesia per 24 anni, è diventata indipendente nel 2002. Il prossimo nove aprile si terrano le elezioni per eleggere il nuovo presidente.