ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Estonia alle urne nel segno della continuità

Lettura in corso:

Estonia alle urne nel segno della continuità

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Estonia non si aspetta grosse rivoluzioni dalle elezioni di domani, ma una piccola rivoluzione è già stata fatta: il voto via internet. La crescita economica degli ultimi anni favorisce la coalizione al potere. Il Partito di Centro del presidente Toomas Hendrik Ilves secondo gli ultimi sondaggi otterrebbe il ventisei per cento delle preferenze, davanti al suo alleato Partito delle Riforme del premier Andrus Ansip, al ventuno per cento.

Se i risultati confermeranno le previsioni, i due maggiori partiti al potere disporranno di una comoda maggioranza nel parlamento monocamerale di centouno seggi. Sono chiamati alle urne novecentoquarantamila elettori. Secondo la commissione elettorale, il diciannove per cento ha già espresso la sua preferenza sfruttando l’opportunità del voto preliminare.

L’unico momento caldo di questa campagna elettorale ha riguardato il monumento a un soldato dell’Armata Rossa che si trova nel centro della capitale Tallinn. I deputati nazionalisti, appoggiati dal premier, hanno fatto votare una legge che impone la rimozione della statua. Una decisione che molti estoni non appoggiano, e che potrebbe forse nuocere ad Ansip.