ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Big Bang e buchi neri nel nuovo magnete del Cern

Lettura in corso:

Big Bang e buchi neri nel nuovo magnete del Cern

Dimensioni di testo Aa Aa

Dimensioni multiple, mini buchi neri, il segreto della creazione. Tutto questo potrebbe essere rinchiuso qui dentro, nel magnete più potente del mondo, che sta per essere installato dal Cern, il centro europeo per la ricerca nucleare di Ginevra.

Gli scienziati del laboratorio stanno calando in queste ore l’acceleratore di particelle elle-acca-ci a cento metri di profondità. Il portavoce del Cern Tejinder Virdee spiega: “È difficile prevedere che impatto avranno queste scoperte fra cinquant’anni. Avranno naturalmente un forte impatto sulla nostra comprensione del funzionamento della natura. E ne avranno di certo in altri campi, proprio come le scoperte di Einstein, Maxwell, Newton e Galileo hanno avuto un impatto sulla nostra cultura scientifica”.

Il Large Hadron Collider fa parte dell’esperimento Compact Muon Solenoid. Quando entrerà in funzione, a novembre, produrrà lo scontro di protoni con l’obiettivo di ricreare l’energia che governava l’universo una frazione di secondo dopo il Big Bang. I fasci di protoni si spezzeranno in particelle ancora più piccole, creando mini buchi neri e aprendo forse una porta su dimensioni parallele.