ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Airbus, ecco la "medicina amara" per il rilancio

Lettura in corso:

Airbus, ecco la "medicina amara" per il rilancio

Dimensioni di testo Aa Aa

Diecimila posti di lavoro in meno, vendita totale o parziale di 6 siti produttivi: è la ricetta contenuta nel piano di ristrutturazione di Airbus, denominato Power 8, che il presidente Louis Gallois ha presentato oggi a Tolosa. I tagli, per metà di dipendenti diretti e per metà dell’indotto, non comporteranno licenziamenti in tronco, ma saranno ottenuti con misure volontarie e blocco del turn-over.
La riduzione sarà equamente distribuita, ha detto Gallois e sarà realizzata nell’arco di 4 anni.
I posti da tagliare sono 4.300 in Francia, 3.700 in Germania, 1.600 nel Regno Unito e 400 in Spagna.
Il piano ha per obiettivo di generare 5 miliardi di euro di liquidità entro il 2010 e 2 miliardi all’anno in più di utile operativo.
Dei 7 stabilimenti tedeschi, Varel e Laupheim saranno venduti, mentre su quello di Nordenheim si cercherà un partner di rischio.
Anche per il sito di Meaulte, in Francia, la cessione sarà solo parziale. Totale invece per quello di Saint Nazaire ville.
Ricerca di un partner anche per Filton, storico stabilimento britannico dove si producono le ali di tutti i modelli Airbus.
Oltre al taglio dei costi, il piano prvede decentramento e riorganizzazione produttivi. Il nuovo A 350 sarà assemblato in Francia, mentre in Germania sarà allestita una linea in più di costruzione dell’A 320.