ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Washington cerca di smorzare la crisi sullo scudo missilistico est europeo

Lettura in corso:

Washington cerca di smorzare la crisi sullo scudo missilistico est europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti tentano di risolvere il conflitto diplomatico con Mosca spiegando che le strutture anti-missilistiche in progetto per l’Europa dell’Est non servono a difendersi dalla Russia. Un generale russo aveva minacciato reazioni contro i Paesi che avrebbero ospitato le installazioni.

“Una minaccia contro la Polonia e la Repubblica Ceca non ha senso nel 21° secolo. Pensiamo e speriamo che il generale non stesse parlando per l’intero governo russo. D’altronde lo stesso ministro degli esteri Lavrov il giorno seguente ha usato toni di gran lunga più misurati”. ha detto Daniel Fried, assistente segretario di Stato.

Nei due Paesi europei gli Stati Uniti dicono di voler realizzare un sistema radar capace di individuare missili a lungo raggio potenzialmente nucleari provenienti dall’Iran o dalla Corea del Nord. Una volta intercettati, dalle basi in Europa potrebbero essere lanciati altri missili capaci di distruggerli in volo.

Un progetto del genere esisteva già ai tempi della guerra fredda. Il nemico allora era però l’Unione Sovietica.

E’ per questo che, temendo di essere di nuovo nel mirino, lunedì il capo delle forze strategiche russe Nikolaï Solovtsov aveva ipotizzato di puntare missili a medio raggio sulle installazioni americane in territorio ceco o polacco.

Igor Ivanov, il consigliere del Cremlino per la sicurezza nazionale, ha ammesso ieri che ci sono disaccordi con gli Stati Uniti ma che il dialogo resta aperto.