ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gojko Jankovic condannato a 34 anni per crimini contro l'umanità in Bosnia

Lettura in corso:

Gojko Jankovic condannato a 34 anni per crimini contro l'umanità in Bosnia

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex comandante paramilitare di Foca, il serbo bosniaco Gojko Jankovic, è stato riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità e condannato dai giudici di Sarajevo a 34 anni di reclusione. Tra il 1992 e il 1993, nel sud est della Bosnia, ha partecipato a rastrellamenti, uccisioni sommarie, stupri e torture su donne musulmane.

La sua è la condanna più pesante finora inflitta dal Tribunale statale bosniaco, ma per Bakira Hasecic, presidente dell’associazione che raggruppa le donne vittime della guerra, si tratta di una sentenza troppo mite. “Mostri come lui – dice – meritano la pena di morte o l’ergastolo”.

Sulle case degli orrori di Foca, il Tribunale internazionale dell’Aja ha già pronunciato una sentenza storica nel 2001, definendo per la prima volta lo stupro un crimine contro l’umanità.