ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Energia in cambio di uno stop al nucleare


mondo

Energia in cambio di uno stop al nucleare

Potrebbe essere il primo passo concreto verso il disarmo della Corea del Nord. Nel corso dei negoziati a Pechino è stato definito un accordo che aprirebbe la strada allo smantellamento del programma atomico di Pyongyang. Come contropartita: assistenza energetica.

La maratona delle trattative durata oltre 16 ore si conclude con un risultato positivo secondo il negoziatore statunitense, Christopher Hill: “Ci sono molti aspetti incoraggianti. Mi pare si possa fare un concreto passo in avanti sul tema della denuclearizzazione della penisola coreana” ha detto.

In settembre 2005 si giunse a una intesa, subito saltata dopo il test missilistico nordcoreano del mese successivo. Pyongoyang dovrebbe ricevere 1 milione di tonnellate di petrolio e 1 milione di kilowatt di energia elettrica. Il dialogo a sei – le due Coree, Usa, Cina, Giappone, Russia – s‘è aperto nel 2003. L’attuale accordo deve avere l’approvazione dei rispettivi governi. Anche in quel caso, dicono i negoziatori, nulla assicura che il regime proceda al disarmo.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Corea del Nord, intesa raggiunta. Pyongyang rinuncia al nucleare in cambio di petrolio