ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles: giro di vite contro i "crimini verdi"

Lettura in corso:

Bruxelles: giro di vite contro i "crimini verdi"

Dimensioni di testo Aa Aa

Tolleranza zero per i crimini contro l’ambiente. La Commissione Europea presenta oggi un progetto che prevede l’inasprimento delle sanzioni con pene fino a 10 anni di carcere. Bruxelles – dopo precedenti drammatici come il naufragio dell’Erika nel dicembre 1999 – tenta di dare una sferzata ai mastodontici ritardi legislativi dei 27 Stati membri, nei quali non esiste omogeneità di regole e sanzioni.

Per i crimini più gravi, dai 5 fino ai 10 anni di reclusione in presenza di vittime o feriti e multe dai 750.000 fino a 1,5 milioni di euro per le aziende. Nove le categorie d’infrazioni nel mirino di Bruxelles: dalla dispersione di rifiuti tossici, al trasporto di prodotti ad alto rischio senza misure di sicurezza, dal mancato rispetto delle specie protette fino al commercio illegale di sostanze dannose per l’ozono. La direttiva dovrà essere approvata dagli Stati membri e dall’Europarlamento.