ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, si del giudice ad una "class action" contro Wal Mart per discriminazioni sul posto di lavoro

Lettura in corso:

Usa, si del giudice ad una "class action" contro Wal Mart per discriminazioni sul posto di lavoro

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono più di un milione e mezzo le donne ex dipendenti di Wal Mart, colosso della grande distribuzione, che potrebbero chiedere di essere risarcite per aver subito discriminazioni sul posto di lavoro. E’ la conseguenza di una decisione della Corte d’Appello federale della California, che ha ammesso una “class action” che potrebbe costare alla compagnia miliardi di dollari di danni.

“Questo dimostra che le nostre segnalazioni erano vere”, dice Betty Dukes. “Nessuna accusa ingiustificata. Solo i fatti come sono accaduti”. La principale accusa alla società, è quella di aver sistematicamente ridotto del 15 per cento i salari ai dipendenti di sesso femminile, che sono i due terzi del totale.

Una discriminazione ingiustificata, se, come spiega un’altra ex impiegata, spesso le donne formavano e istruivano gli uomini sul lavoro da compiere. Wal Mart – primo datore di lavoro negli Usa, con un milione e trecentomila dipendenti – si difende negando di aver mai ordinato azioni discriminatorie.