ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alla Mecca, al Fatah e Hamas si impegnano a non terminare i colloqui senza un accordo

Lettura in corso:

Alla Mecca, al Fatah e Hamas si impegnano a non terminare i colloqui senza un accordo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha aperto i colloqui con Hamas alla Mecca con un impegno: non abbandonare il tavolo dei negoziati fino a quando tra il suo partito, al Fatah, e quello del premier Ismail Haniyeh non sia stato raggiunto un accordo che metta fine alla lotta, che ha definito una “catastrofe”. Lo stesso impegno è stato ribadito da Khaled Meshaal, il capo di Hamas in esilio in Arabia Saudita.

Le due delegazioni sono riunite nella città santa musulmana, in Arabia Saudita, alla presenza del re Abdallah, che sta cercando di imporsi come nuovo mediatore della crisi in Medio Oriente e che ieri ha avuto colloqui separati con i due partiti.
Le trattative hanno lo scopo di risolvere la crisi politica nell’autorità nazionale palestinese e di arrivare finalmente alla formazione del tanto auspicato governo di unità nazionale. Per poter riprendere, poi, il processo di pace con Israele.