ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Baghdad, più di 130 i morti nell'attacco al mercato

Lettura in corso:

Baghdad, più di 130 i morti nell'attacco al mercato

Dimensioni di testo Aa Aa

Baghdad si è risvegliata sotto lo choc del più grave attentato dall’inizio del conflitto nel 2003. Sabato pomeriggio, nell’ora di punta, un camion contenente una tonnellata di esplosivo è stato fatto esplodere da un kamikaze nel mercato alimentare di Sadriya, quartiere a maggioranza sciita sulla riva destra del Tigri. Gli effetti sono stati devastanti: 135 morti, 305 feriti, distrutte le bancarelle, abbattuti i muri di negozi e appartamenti che costeggiano il mercato.
Ci sono stati, in passato, attacchi con un bilancio più pesante di vittime, ma erano stati messi a segno con esplosioni a catena. Questo è il più grave realizzato con una singola bomba.
Il governo iracheno ha attribuito la responsabilità dell’azione ai sunniti sostenitori di Saddam Hussein.
Il coprifuoco è stato imposto in due città del nord dell’Iraq, in seguito a gravi attentati. A Kirkuk, 7 differenti attacchi con auto-bomba hanno ucciso almeno 4 civili e ne hanno ferito una quarantina. Presi di mira uffici pubblici e la sede del Partito democratico e dell’Unione patriottica, principali formazioni politiche curde. Gli attacchi sono stati rivendicati da un gruppo chiamato “Stato islamico in Iraq”.