ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

José Bové, campione dei no global francesi, si candida all'Eliseo

Lettura in corso:

José Bové, campione dei no global francesi, si candida all'Eliseo

Dimensioni di testo Aa Aa

La sinistra francese schiera un altro candidato alle presidenziali di aprile: José Bové, simbolo del movimento no global e noto per i suoi clamorosi atti di disobbedienza, ha presentato la sua candidatura a Seine Saint Denis, periferia di Parigi contagiata, nell’autunno 2005, dalla protesta delle banlieue. “Ho accettato l’idea che il mio nome incarni la volontà comune di battere la destra e di ridare speranza a un’alternativa di sinistra”, ha dichiarato Bové.

La sua discesa in campo non scontenta solo gli altri quattro candidati dell’estrema sinistra, come la comunista Buffet, o il trozkista Besancenot, ma rappresenta un’incognita anche per la socialista Segolène Royal, data per favorita, al secondo turno, in un testa a testa con il candidato dell’UMP, Nicholas Sarkozy.

Ma l’ex portavoce della Confederazione contadina rischia di dover condurre la sua campagna elettorale dietro le sbarre di un carcere. La corte di cassazione sta infatti per decidere se confermare o meno una condanna a quattro mesi, per aver falciato un campo di mais Ogm. Quel che è certo, è che entro il sedici marzo Bové dovrà trovare le firme di cinquecento sindaci, requisito necessario per presentarsi alle elezioni.