ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Beirut risponde agli scontri con il coprifuoco. Ieri 4 morti

Lettura in corso:

Beirut risponde agli scontri con il coprifuoco. Ieri 4 morti

Dimensioni di testo Aa Aa

In Libano è stato imposto il coprifuoco per mettere fine a una giornata di strordinaria violenza. Due giorni dopo uno sciopero generale che aveva già fatto numerose vittime, nuovi scontri ieri a Beirut hanno causato 4 morti e oltre 170 feriti. Tutto è cominciato nel quartiere dell’università araba dove nel pomeriggio gruppi di studenti sostenitori del governo e altri sipantizzanti dell’opposizione hanno dato vita a una battaglia urbana. Dai bastoni e dai lanci di pietre si è presto passati alle sparatorie. E i disordini si sono allargati a macchia d’olio in altre zone della città.

L’esercito è intervenuto immediatamente sparando in aria nel tentativo di dividere i musulmani sunniti dagli sciiti. I leader dei vari schieramenti hanno tutti fatto appello alla calma. Hassan Nasrallah, capo di di Hezbollah, ha anche emesso una Fatwa, una raccomandazione religiosa, per ordinare ai suoi seguaci di rispettare gli ordini dell’esercito.

L’aeroporto di Beirut è rimasto aperto ma per effetto del coprifuoco ai passeggeri in arrivo nella notte è stato vietato di lasciare lo scalo prima delle 6.