ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Democratici sconfessano Bush sull'Iraq

Lettura in corso:

I Democratici sconfessano Bush sull'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ fallito il tentativo di Bush di indurre i Democratici a sostenere una posizione unitaria sull’Iraq. Neanche ventiquattro ore dopo l’annuale discorso alla nazione, il presidente americano è stato sconfessato da un voto dei senatori.

In pompa magna Bush aveva invitato il Paese a sostenere le truppe sul terreno e quelle in partenza. Ma per tutta risposta ieri la commissione esteri del Senato ha approvato un progetto di risoluzione che giudica i suoi piani contrari all’interesse nazionale.

Il fuoco è stato trasversale: i voti non sono venuti solo dalla maggioranza democratica ma anche dal Repubblicano Chuck Hagel.

“Non c‘è una strategia, è un giocare a ping pong con le vite americane – ha inveito Hagel -. questi giovani che vogliamo mettere nella provincia di Anbar, in Iraq, non sono fagioli; sono persone. Faremo meglio a essere sicuri di quello che stiamo facendo prima di mettere altri 22.000 americani nel tritacarne”.

Il numero due della Casa Bianca, Dick Cheney, ha già detto che il presidente non desisterà.

La risoluzione potrebbe essere approvata anche dall’aula del Senato, la settimana prossima. E a quel punto, pur restando non vincolante, diventerebbe un pesante fardello.