ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ancora scontri e morti a Beirut

Lettura in corso:

Ancora scontri e morti a Beirut

Dimensioni di testo Aa Aa

Brucia ancora Beirut. La conferenza di Parigi era in dirittura d’arrivo, quando stamani sono esplosi con nuova veemenza scontri e disordini che hanno opposto seguaci del movimento sciita Amal, alleato di Hezbollah, ai rivali del movimento sunnita Al-Mostaqbal, guidato da Saad Hariri.

Almeno due i morti, decine i feriti. Ma il bilancio è destinato a crescere. I disordini scoppiati in tarda mattinata all’università araba si sono presto estesi a diversi quartieri della capitale libanese. Per riportare la calma è intervenuto anche l’esercito, i militari hanno ripetutamente sparato in aria per cercare di disperdere la folla.

Le principali arterie stradali che collegano Beirut al sud del Libano sono state bloccate dai dimostranti. Blocchi stradali sono stati istituiti dagli stessi manifestanti, che hanno incendiato cataste di pneumatici

Notevoli i danni materiali, danneggiate numerose auto e le vetrine di diversi negozi. Una situazione incandescente che ha portato alla proclamazione in serata del coprifuoco. I leader politici di entrambe le parti hanno invitato i propri seguaci alla calma. Il leader sciita Nasrallah ha chiesto con una fatwa il ritorno alla pace civile.