ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I kosovari restano ottimisti sul futuro della provincia

Lettura in corso:

I kosovari restano ottimisti sul futuro della provincia

Dimensioni di testo Aa Aa

Qualunque sia la composizione del nuovo governo serbo, la questione kosovara sarà il primo punto in agenda. L’esito delle urne non scoraggia i kosovari, in maggioranza d’etnia albanese, che sperano nella formazione di un governo pro-europeista sia più attento alle loro rivendicazioni.

Quest’abitante di Pristina si dice comunque deluso dal voto, non riesce a credere che, nel XXI secolo, i serbi scelgano di essere guidati dagli ultranazionalisti. Una delusione che l’amministrazione kosovara non riesce a nascondere. Il premier Agim Ceku: “I serbi erano chiamati a scegliere il futuro governo e alcuni hanno votato per il passato, fatto che renderà il cammino della Serbia verso l’Unione europea più lento. Tutti vogliamo che la Serbia sia un Paese democratico e che si adegui agli standar europei”.

Il governo che potrebbe uscire dalle elezioni di domenica, rischia di essere debole. Eventualità che in molti temono, come quest’avvocato che ricorda che in quest’ultima fase del processo di disgregazione dell’ex Jugoslavia si ha bisogno di un governo forte per capire le istanze del Kosovo che, “ per noi – ha concluso -dovrebbero portare all’indipendenza”.

Soddisfazione invece evidente stamani a Mitrovica nord, quella parte della città considerata roccaforte dei serbi e che gli albanesi non intendono cedere, perché potrebbe essere un precedente pericoloso per la divisione della provincia.