ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: forti reazioni politiche alle dimissioni di Halutz

Lettura in corso:

Israele: forti reazioni politiche alle dimissioni di Halutz

Dimensioni di testo Aa Aa

Provocano forti reazioni politiche le improvvise dimissioni del capo di stato maggiore israeliano, il generale Dan Halutz, rese note nella notte. All’origine della decisione, le mancanze mostrate la scorsa estate dalle forze armate nei combattimenti con i miliziani libanesi di Hezbollah.

Titoli vistosi stamani sulla stampa. Nei primi commenti si afferma che le dimissioni erano inevitabili e che adesso si pone la questione se anche Olmert e Peretz debbano seguire il suo esempio. In strada i commenti sono unanimi: “È una saggia decisione, anche se tardiva. Per l’opinione pubblica isareliana non abbiamo vinto questa guerra e la sua partenza era più che normale”.

Per l’analista militare Efrain Inbar, il generale ha perso non solo la fiducia degli israeliani ma anche dei sui subalterni. Aggiungendo inoltre che come è noto il ministero della Difesa non gode di buona fama né presso il suo partito e né presso l’intero sistema politico”.

Il premier Ehud Olmert, che ha ricevuto domenica mattina la lettera di dimissioni, ha cercato di convincere il generale a riesaminare la propria decisione. Il ministro della Difesa Amir Peretz sarebbe stato invece colto di sorpresa. A Olmert e Peretz il compito adesso di scegliere il sostituto di Halutz. In molti ritengono che la nomina debba essere fatta dopo la pubblicazione delle conclusioni della commissione d’inchiesta sulla guerra in Libano, conclusioni previste nelle prossime settimane.