ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Austria. Manifestazioni studentesche contro Gusembauer

Lettura in corso:

Austria. Manifestazioni studentesche contro Gusembauer

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli studenti universitari austriaci ce l’hanno con Gusembauer. E’ la seconda volta che scendono in piazza a Vienna e Graz, da quando, la settimana scorsa, è stato reso noto il contenuto del patto di coalizione fra i socialdemocratici e i cristiano-democratici.

Il cancelliere è accusato di aver ceduto troppo terreno ai conservatori, in particolare sulle tasse universitarie. Nel programma elettorale socialdemocratico c’era la soppressione della tassa d’iscrizione di circa 360 euro a semestre. Questa promessa non è stata mantenuta, tanto che molti responsabili studenteschi dell’SPö hanno strappato la tessera.

Gusembauer, che ha giurato l’11 gennaio, ha preannunciato un piano di rigore finanziario con risvolti sociali, in particolare è previsto un salario minimo garantito di mille euro.

Ma ciò non è bastato agli studenti che si sono sentiti insultati quando il governo ha fatto sapere che i meno abbienti potranno non pagare l’iscrizione universitaria in cambio di 60 ore di corsi di recupero dati gratuitamente agli allievi delle scuole. Il che, riferito agli oltre 600 euro annuali di tasse universitarie, vorrebbe dire appena 6 euro per un’ora di lezione.

I rappresentanti degli studenti hanno definito la proposta cinica e populista. Gusembauer ha risposto assicurando che darà lui stesso l’esempio, impegnandosi in un’ora di lezioni a settimana.